La serie A parte nel weekend

di Franco Leonetti –

Ormai ci siamo, nel fine settimana scocca l’ora della nuova Serie A. La grande attesa è terminata per tutti i tifosi di calcio, ormai pronti ad assiepare gli stadi e dar via a girandole di emozioni e batticuori che solo un torneo calcistico può regalare.

E allora via subito con le sensazioni forti, che regaleranno le prime due gare di sabato: i Campioni d’Italia in carica della Juventus esordiscono sabato 24 luglio, ore 18, contro il Parma, al Tardini, trasferta insidiosa, mentre il big match Fiorentina-Napoli chiude la prima giornata di anticipi. Domenica alle ore 20.45, tutti gli altri incontri, Udinese-Milan, Cagliari-Brescia, Spal-Atalanta, Roma-Genoa, Verona-Bologna, Sampdoria –Lazio e Torino-Sassuolo mentre l’Inter di Conte, debutta in casa, a S. Siro contro il Lecce, nel posticipo del lunedì sera. Rispetto all’anno passato, il campionato di Serie A 2019-2020 scatta con una settimana di ritardo rispetto alle date di apertura delle ultime stagioni.

Come accennato, il via del torneo tricolore è fissato per il fine settimana del 24-25 agosto, mentre l’ultima giornata in calendario si disputerà domenica 24 maggio 2020: solo 19 giorni prima del match dell’Olimpico che dovrebbe vedere gli azzurri protagonisti all’Europeo. I 38 turni del campionato sono stati così disegnati: 3 giornate infrasettimanali (25 settembre, 30 ottobre e 22 aprile) e 4 soste per gli impegni della nazionale del cittì Mancini (8 settembre, 13 ottobre, 17 novembre e 29 marzo).

Il Boxing Day, ovvero la disputa di partite nelle festività natalizie, sperimentato nelle due ultime stagioni, è stato estinto e sostituito dal ripristino della sosta invernale, che comincerà il 22 dicembre e durerà fino al 5 gennaio, mandando in vacanza il calcio italiano. Un dietrofront improvviso, senza spiegazione alcuna, un fattore in controtendenza rispetto al modello inglese, a cui le istituzioni pallonare italiche, sembravano volersi ispirare. La corsa al nuovo scudetto è aperta, la caccia alla Juventus pure: i bianconeri hanno stabilito il record spaziale di otto tricolori consecutivi, fatto mai accaduto nel nostro campionato.

Napoli e Inter, sulla carta, appaiono come le principali antagoniste di Chiellini e soci, per cercare di detronizzare i colori bianconeri, occhi aperti sulla nuova Roma, la Lazio, invece, è una compagine rodata che ha cambiato poco, un gradino più in basso il Milan, che ha subito una sorta di rivoluzione tecnico-tattica, poi doverose le attenzioni verso Atalanta e Torino, buone protagoniste nella stagione 2018-19. Come ogni anno ci si attende una squadra rivelazione, ruolo ricoperto magnificamente, lo scorso anno, da Gasperini e la sua Atalanta.

La lotta per non retrocedere sarà, al solito, acerrima e senza quartiere, con team vogliosi di gustarsi la Serie A, a lungo. Cagliari, Spal, Sassuolo, Bologna e Genoa hanno più esperienza e partono favorite sulle neopromosse Brescia, Lecce e Verona, ma il calcio del massimo campionato ci ha abituati, negli anni, a pronostici rovesciati e colpi di scena clamorosi e. Mancano poche ore poi sarò di nuovo campionato. Buona stagione a tutti.

Rispondi