Bentornata Serie A

di Franco Leonetti –

La grande attesa è terminata, il campionato di calcio più amato dagli italiani è partito. Una prima giornata convulsa, polemica, avvelenata dalle diatribe su arbitri e Var, con tanto di sviste clamorose ed errori impossibili da perdonare. Insomma, sin da subito, acredini veementi e anche giustificate, uno su tutti l’episodio intollerabile di Fiorentina-Napoli, con tuffo di Mertens in area e rigore comminato a favore dei partenopei. Con arbitro e Var che dormono e falsano un match. La Juve ha cominciato bene il suo cammino, vittoria per 1-0 a Parma, buonissimo primo tempo, secondo in calo, con la partita mai in discussione.Il Napoli ha vinto 4-3 contro i viola di Montella, ma le polemiche hanno tenuto banco e avranno ancora strascichi lunghi. L’Inter nel posticipo del lunedì ha battuto ampiamente la neopromossa Lecce, raggiungendo in vetta le favorite Juve e Napoli. Clamorosa la caduta del Milan all’esordio, diavoli inconcludenti e Udinese più in palla e meritatamente davanti.

Il Napoli ha vinto 4-3 contro i viola di Montella, ma le polemiche hanno tenuto banco e avranno ancora strascichi lunghi. L’Inter nel posticipo del lunedì ha battuto ampiamente la neopromossa Lecce, raggiungendo in vetta le favorite Juve e Napoli. Clamorosa la caduta del Milan all’esordio, diavoli inconcludenti e Udinese più in palla e meritatamente davanti.

La Roma non è andata oltre un pirotecnico pareggio casalingo con il Genoa, delusi i tifosi giallorossi che si attendevano subito un successo, mentre la Lazio ha bruciato l’erba di Marassi, superando nettamente per 3-0 la Sampdoria: il prossimo turno proporrà già l’infuocato derby capitolino. Il Torino ha avuto la meglio sul Sassuolo, una sorta di prova generale per la durissima sfida in Inghilterra per entrare nel tabellone dell’Europa League. Ottima rimonta dell’Atalanta che, sotto di due gol a Ferrara, ha saputo ribaltare il risultato grazie a Muriel, nella zona bassa della classifica Verona e Bologna si sono divise la posta, davanti a un Mihajlovic sofferente, dimagrito, in piena lotta contro la leucemia, ma che ha voluto essere presente in panchina allo stadio Bentegodi con una forza di volontà fuori dal comune. Attendiamo tutti l’allenatore serbo pienamente guarito da una malattia terribile. Brutta sconfitta interna del Cagliari al cospetto del neopromosso Brescia di Corini, goffa la gara dei sardi che cominciano in malo modo.

Prossimo turno scoppiettante e con due sfide di grande valore tecnico ed emotivo. Sabato prossimo, ore 20.45, lo Stadium sarà la cornice del super big match Juventus-Napoli, che già crea tante attese, mentre Lazio -Roma si disputerà domenica prossima alle ore 18. Il Milan affronterà a S. Siro il Brescia e dovrà mostrare subito, davanti al pubblico amico, di aver superato l’impasse subita all’esordio, Bologna-Spal assegna punti per la terza fascia della graduatoria, il Genoa sfida, al Ferraris, la Fiorentina di Ribery, il Cagliari ospita l’Inter con un incrocio di ex da far invidia ad entrambe le compagini. Udinese-Parma, Sassuolo-Sampdoria, con il ritorno di Mister Di Francesco nella sua ex piazza amatissima, e Lecce-Verona concludono la seconda giornata. Poi sarà sosta per la Nazionale con il ritorno di Mancini e i suoi azzurri

Buon campionato a tutti.

Rispondi