Lavori in corso per una nuova maggioranza

di Fabiana Bianchi –

• La settimana politica di Cosmo si apre giovedì 22 con un focus sulla crisi di governo. Al termine del secondo giorno di consultazioni, il presidente della repubblica Sergio Mattarella ha divulgato le sue comunicazioni. «La crisi va risolta all’insegna di decisioni chiare e in tempi brevi – ha ricordato il capo dello Stato – Sono possibili solo governi che ottengono la fiducia del Parlamento con accordi dei gruppi su un programma per governare il Paese, in mancanza di queste condizioni la strada è quella delle elezioni».

• Venerdì 23 si è tenuto il primo incontro tra le rappresentanze del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico per valutare la possibilità di formare una nuova maggioranza. Secondo le dichiarazioni rilasciate in seguito, l’incontro si è dimostrato positivo. Secondo il Pd, non ci sarebbero ostacoli insormontabili alla nuova alleanza. Il Movimento 5 Stelle ha indicato fra le sue priorità il taglio dei parlamentari. Il Partito Democratico ha dato segnali di apertura in merito, a patto che venga prestata la giusta attenzione alle garanzie istituzionali.

• Sabato 24 il premier dimissionario Giuseppe Conte ha presenziato al G7 di Biarritz. Di fronte alle domande dei giornalisti, il presidente del consiglio uscente ha chiarito che «quella del governo giallo-verde è una stagione per me chiusa, per quanto mi riguarda». «Quello che posso augurarmi è che i leader che stanno lavorando per dare un Governo al Paese lavorino intensamente, lavorino bene. Alcuni temi io li ho indicato anche nel mio discorso al Senato – ha aggiunto – è un’esperienza politica che non rinnego. Mi sono impegnato intensamente perché quella esperienza potesse offrire soluzioni positive per il Paese».

• Domenica 25 il dialogo tra Pd e Movimento 5 Stelle è stato al centro delle cronache politiche. Il tema principale ha riguardato il ruolo del premier. Mentre i pentastellati vorrebbero vedere ancora Conte a palazzo Chigi, il segretario Pd Nicola Zingaretti punta sulla discontinuità. Inoltre, i Democratici vorrebbero incentrare il confronto soprattutto sui contenuti prima che sulla figura del presidente del consiglio.

• Lunedì 26, in serata, il vicepremier Luigi Di Maio ha incontrato Zingaretti e Conte a palazzo Chigi. L’incontro si è protratto per circa quattro ore. «Siamo al lavoro, ma c’è ancora molto da fare su contenuti e programmi» hanno fatto sapere delle fonti del Partito Democratico. Dal Movimento 5 Stelle arriva invece una precisazione: «Il Pd oggi non ci ha parlato di programmi o di Manovra bensì solo di ministeri».

• Martedì 27 si è tenuto un nuovo incontro tra le rappresentanze del Movimento 5 Stelle e del Partito Democratico. È stato chiarito che «in presenza del Presidente Conte, non è mai stata avanzata la richiesta del Viminale per Luigi Di Maio, né dal Movimento 5 Stelle né da Di Maio stesso». I due partiti sarebbero al lavoro per trovare un accordo di fondo sui temi principali e da entrambi gli schieramenti sono giunti messaggi ottimistici. Anche i mercati sembrano avere reagito positivamente.

Rispondi