Eubilide di Mileto, Totò e Giulia De Lellis: Quando sei cornuto prendila con filosofia!

di Elisabetta Testa –

“Ognuno di noi nasce con un destino: la cattiva sorte a volte va e a volte viene; qualcuno nasce con il destino di portare la gobba, qualcuno con quello di portare le corna”.

Diceva così il maestro Totò e forse non aveva tutti i torti.

L’amore ai tempi delle corna è difficile, ma forse sta diventando la normalità essere dei cornuti.

L’amore ai tempi delle corna è il libro di Giulia De Lellis, che racconta la sua esperienza da… cornuta.

A farla cornuta- più e più volte- il suo ex Andrea Damante: sono questi i presupposti del suo “Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza!”.

Le corna stanno bene su tutto e su tutti, perché, in fondo, siamo crudelmente destinati a indossarle tutti almeno una volta nella vita.

Vi sembra assurdo? Eppure il filosofo antico Eubilide di Mileto (IV sec. a.C.) attraverso un paradosso, lo ha dimostrato.

Tu hai ciò che non perdesti. Tu non hai mai perso le corna. Dunque hai le corna. Ma tu non hai mai perso gli occhi. Dunque non hai gli occhi. Vorresti forse dire che hai le corna o sei privo di occhi?”.

Siamo tutti dei gran cornuti, alla fine. Viviamo nella società delle apparenze, in cui ogni coppia sembra essere perfetta. Sposati da anni, con figli, uomini e donne si ricordano perfettamente date di anniversario, rinnovano il rito di nozze, ma la sera si infilano nel letto di altri.

Purtroppo tutto questo sta diventando normale: l’amore, quello vero, sta scomparendo. L’amore- che non è il sesso- è quello che si prova sinceramente, quella forma di affetto che ti fa stare bene solo con una persona. L’amore non ti fa desiderare altro se non la persona che hai di fianco.

Se il destino, prima o poi, ci farà diventare cornuti, non resta che affidarci alla nostra cara filosofia. La filosofia del cornuto, sì. Mai come in questi casi dobbiamo prenderla davvero con filosofia.

Uomini e donne: accettate almeno una volta nella vita il peso di quel copricapo animalesco che si forma sulla vostra testa. Accettate di essere cornuti almeno una volta nella vita: ci siamo passati tutti. Grandi personaggi, grandi nomi della storia sono stati cornuti e anche mazziati.

Accettare non significa, attenzione, saper perdonare. Accettare significa interiorizzare una sconfitta, voltare pagina e andare avanti. Chi vi tradisce non vi ama e chi non vi ama si perde qualcosa di speciale. Ecco a cosa serve la filosofia: ricordatevi del paradosso di Eubilide di Mileto, ricordatevi delle parole del maestro Totò e riflettete sul perché la gente va a comprare il libro della De Lellis.

L’amore ai tempi delle corna è complesso: è ora di prenderla con filosofia, perché, in fondo, “O stesso Adamo steva ‘mparaviso, eppure donna Eva ll’ha traduto. ‘ncoppa a sti ccorne fatte nu surriso, ca pure Napulione era cornuto!”

Rispondi