I nipoti di Babbo Natale

di Michela Trada –

C’è un posto sul web dove il bello fa davvero notizia; un blog, una pagina, un gruppo, in cui la condivisione delle good news è all’ordine del giorno e che, una volta scoperto, genera una buona e sana dipendenza. Si chiama “Scoprire cose belle” ed è ideato e gestito dalla vulcanica Mery Greiss, splendida mamma e social media manager d’eccezione.

Cercando ispirazione  tra le sue sezioni, ieri mi sono imbattuta ne “I nipoti di babbo Natale”; non si tratta del nuovo cine-panettone prossimo all’uscita cinematografica, bensì di un progetto di solidarietà innovativo pensato dalla Onlus “Un sorriso in più” importato dalla Repubblica Ceca. In cosa consiste? Nel donare un oggetto fisico o una esperienza agli anziani residenti in casa di riposo; non tutti, infatti, hanno la possibilità o la fortuna di trascorrere le feste con i propri cari e spesso questo periodo dell’anno può risultare molto difficile da affrontare. Ecco che i nipoti svolgono così una doppia funzione benefica e salvifica: per chi adotta un “nonno” e per lo stesso anziano.

“Un sorriso in più”, mette a disposizione la piattaforma “Nipoti di Babbo Natale” ad uso delle case di riposo di tutta Italia; i desideri degli anziani vengono messi online direttamente e in autonomia dagli operatori delle strutture (tramite un accesso riservato), senza alcun filtro da parte dell’organizzazione. Chiunque può realizzare l’aspettativa di un anziano: andando nella sezione “Desideri”, potrà visualizzare l’elenco dei desideri disponibili e scegliere il proprio dono.

Cliccando sul pulsante “Voglio regalare”, il donatore potrà compilare un modulo con i propri dati e in pochi secondi riceverà una mail di verifica al proprio indirizzo. Da questo momento, il regalo risulterà riservato e il donatore, in breve tempo, verrà contattato (telefonicamente o via mail) dalla struttura presso la quale l’anziano risiede, così da potersi accordare in merito alla consegna del regalo o alla realizzazione dell’esperienza. Insomma, un modo davvero unico per vivere al cento per cento il Natale, perché le cose importanti della vita non sono cose, ma attimi, tempo ed emozioni. 

Rispondi